QUALE FUTURO PER IL NOSTRO CSV

Movità 18-2007 del 18 maggio

Forse non tutti i nostri lettori saprebbero rispondere alla domanda: “Chi gestisce il Centro Servizi per il Volontariato (CSV) nella nostra regione?”

Approfittiamo dell’occasione dell’imminente assemblea ordinaria dell’ente gestore (vedi notizia più avanti) per spiegare come funziona questa struttura “quasi pubblica” e per informarvi di  una proposta del MoVI.

Chi gestisce il CSV
I centri di servizio per il volontariato sono stati istituiti grazie alla legge nazionale del volontariato (nr 266 del 91) che ha stabilito che le fondazioni delle casse di risparmio destinassero ogni anno una percentuale dei propri utili per costruire un fondo per finanziare strutture di sostegno e supporto al volontariato. In ogni regione, un Comitato di Gestione del Fondo (COGE), ha stabilito le modalità secondo le quali avviare i Centri di Servizio.
Nella nostra regione, nel 2000, è stato istituito un unico CSV regionale la cui gestione, attraverso un bando pubblico, è stata affidata all’Associazione interprovinciale Centro Servizi per il Volontariato del FVG.
L’Associazione è quindi un ente gestore, per conto del “pubblico” che attraverso la legge ha istituito i CSV, di un servizio a beneficio di tutte le realtà di volontariato della regione.
Soci dell’Associazione Interprovinciale sono ad oggi, circa 410 associazioni. Di queste quasi 300 sono iscritte all’albo regionale delle associazioni di volontariato. Sono inoltre socie dell’associazione le quattro provincie di Gorizia, Poredenone, Trieste e Udine.

L’associazione ha gestito negli anni una discreta quantità di risorse economiche (2 milioni di euro nel 2005, 1 milione e 800 mila nel 2006) costruendo progressivamente un importante struttura che eroga innumerevoli servizi a sostegno diretto delle organizzazioni di volontariato.

L’assemblea del 23 maggio
Mercoledì prossimo i soci dell’Associazione Interprovinciale sono chiamati a eleggere il nuovo consiglio direttivo. Verranno inoltre presentati i bilanci consuntivo e preventivo e il programma per il prossimo anno di attività. Nonostante il grande numero di soci, non c’è una partecipazione molto assidua in questi momenti che in realtà sono molto importanti e rappresentano lo spazio in cui noi volontari esercitiamo e dimostriamo la nostra capacità di gestire democraticamente le risorse a noi destinate. Almeno in parte, questo può anche essere il segno di una certa fatica che l’associazione ha vissuto in questi primi anni: dopo un avvio pionieristico, caratterizzato da una grande generosità ma anche da una certa informalità, nell’ultimo periodo è stata però realizzata un’importante opera di consolidamento e strutturazione dell’organizzazione interna che ha reso possibile la riconferma dell’incarico all’Associazione Interprovinciale.
Sicuramente il merito di questo importante risultato va riconosciuto  al consiglio direttivo uscente e al Direttore Dario Mosetti.

Le proposte del MoVI
In vista dell’assemblea e come contributo al dibattito, il MoVI ha inviato a tutte le associazioni socie un documento proponendo alcune idee per il futuro del CSV. In sintesi, dopo questa dovuta fase di riorganizzazione e consolidamento, si propone di puntare maggiormente sulla costruzione partecipata e concertata di progettualità importanti e strategiche per tutti (formazione, promozione del volontariato, emergenze sociali). Confermando i rultati positivi ottenuti fino ad oggi, si chiede inoltre di continuare nella direzione di rendere sempre più trasparente e vicina alle piccole associazioni la struttura del CSV. [scarica il documento]
Ringraziando tutti coloro che ci hanno inviato contributi e riflessioni sul documento, anticipiamo la bozza della mozione che intendiamo presentare in assemblea. Potete trovarla [quì] (oppure richiedetecela e ve la invieremo via email).

La redazione di Info-MoVI

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.