VOLONTARIATO IN AZIONE PER SUPERARE L’ESCLUSIONE

Movità 35-2010 del 13 ottobre

La solidarietà è uno dei principi fondamentali dell’Unione europea ed è alla base della nostra Costituzione. Tutti i cittadini hanno quindi il diritto di condividere i benefici nei periodi di prosperità, ma anche il dovere di dividere equamente le difficoltà che nascono nei momenti di crisi. Nonostante questo, in Europa, quasi 80 milioni di persone vivono oggi al di sotto della soglia di povertà. Solo in Italia i ‘nuovi poveri’ sono quasi 3 milioni. Un dato che negli ultimi anni ha registrato una crescita costante e , come sappiamo l’aspetto economico non è l’unico fattore di “povertà”.
Per confrontarsi su esperienze concrete realizzate in giro per l’Italia, il MoVI Nazionale si riunisce a Roma per un convegno a conclusione di un percorso  ispirato anche all’anno europeo per la lotta alla Povertà e all’esclusione sociale.
Capita infatti che molte organizzazioni di volontariato, pur non disponendo di risorse ingenti, siano portatrici di soluzioni, magari temporanee, di ‘semplici’ relazioni umane, di legami sociali. Azioni capaci di favorire la capacità di partecipare ed essere parte attiva dei più poveri e degli esclusi. Le  organizzazioni che accolgono al loro interno le “marginalità” sono spesso ‘strumento’ di inclusione sociale e di lotta alla povertà. Il volontariato non si limita a rispondere alle emergenze sociali, ma offre quindi relazioni e legami sociali inclusivi.


Volantino del Convegno


La redazione

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.