NORMATIVA SULLA SICUREZZA DEL LAVORO PER LE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO

Movità 14-2009 del 22 aprile

Con l’entrata in vigore del decreto “Milleproroghe” slitta di un altro anno (16 maggio 2010) l’obbligo per le organizzazioni di volontariato in cui operano esclusivamente volontari di adeguarsi al decreto legislativo n. 81 del 9 aprile 2008 in materia di sicurezza del lavoro. Invece il nuovo Testo Unico sulla sicurezza è già applicabile alle Organizzazioni di Volontariato in cui sono presenti dipendenti o assimilati, con tutti gli obblighi che ne derivano, in particolare la redazione del Documento sulla valutazione dei rischi.

Il decreto legislativo n. 81 del 09.04.2008 in materia di sicurezza del lavoro è un provvedimento ampio e articolato, con molteplici implicazioni sia sotto il profilo teorico-giuridico, sia sotto il profilo delle conseguenze e degli obblighi operativi dei soggetti coinvolti.
In particolare, la definizione di “lavoratore”, prevista dall’art. 2 del decreto, comprende chiunque lavori alle dipendenze di un datore di lavoro, con o senza retribuzione, indipendentemente dalla natura del rapporto, includendo, così, anche i soci lavoratori di cooperative e i volontari a qualsiasi titolo, siano essi riferibili al Servizio Civile, ai Vigili del Fuoco, ai lavori socialmente utili e ovviamente, alle organizzazioni di volontariato.

A nostro avviso questi adempimenti sono eccessivi per molte realtà di volontariato e rischiano di diventare un ostacolo che allontana le persone da questo mondo.
Siamo d’accordo che è giusto tutelare i volontari e chiarire le responsabilità nei riguardi di chi opera in contesti pericolosi, ma l’attività di chi si occupa di “cose ordinarie”, come per esempio chi aiuta gli anziani del paese o chi realizza attività di aggregazione per il territorio, devono essere favorite e non aggravate da un’eccessiva burocrazia.
Ci auspichiamo che entro il prossimo anno il legislatore intervenga per chiarire che le norme in questione vadano applicate solo a chi effettivamente svolge mansioni pericolose, lasciando ai cittadini la libertà di assumersi responsabilità per le normali attività di cittadinanza attiva e di solidarietà.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.