A QUALE PROGETTO STIAMO LAVORANDO?

Movità 10-2010 del 18 marzo

I sociologi ci hanno detto che viviamo in una società “liquida” per dire che il momento presente è contraddistinto dal venir meno di molte certezze e rigidità. Tutto è sfumato, sfuggente. La sensazione che abbiamo, a volte, è che in nome di questa tendenza ci sia il rischio che si dimentichino anche alcuni valori senza dei quali la civile convivenza e la coesione sociale delle nostre società corrono seri e gravi pericoli.
Il nostro mondo del volontariato non è del tutto immune da questi rischi e la sensazione a volte è che si faccia fatica a intendersi su alcune concetti come gratuità, solidarietà, bene comune, partecipazione. Da valori di riferimento condivisi da tutti rischiano di diventare slogan utilizzati dal più furbo di turno per portare avanti la propria particolare visione o progetto. Eppure oggi più che mai dobbiamo trovare la capacità di confrontarci, ascoltarci, comprendere i nostri diversi punti di vista per chiarire a quale progetto di società stiamo lavorando.
L’alternativa è il “si salvi chi può”, chiudersi a salvaguardare gli interessi privati, per aiutare “i miei” contro “gli altri”, senza più credere che sia possibile veramente una convivenza fraterna e pacifica.

In particolare in un momento di “risorse scarse” dobbiamo essere ancora più bravi ad accordarci su come usarle al meglio per il bene di tutti.
L’assemblea che il MoVI di Trieste organizza per il prossimo 23 marzo vuole essere un occasione per rilanciare questa nostra capacità di volontari di “volare alto” pur restando con i piedi per terra. (Vedi la notizia)

La redazione

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.