Il ruolo politico del volontariato moderno (di Luciano Tavazza)

Movità 28-2011 del 2 dicembre

Il volontariato moderno, organizzato in gruppi –con una precisa identità– ha come sua caratteristica irrinunciabile quella che noi chiamiamo: «dimensione politica». Cioè l’impegno ad accompagnare, contestualmente, la testimonianza quotidiana di interventi di solidarietà, con un’azione rivolta ad individuare e rimuovere le cause dell’oppressione della dignità umana. Violazione di diritti costituzionali o addirittura umani a danno delle fasce più deboli dei cittadini. Azione che per diventare efficace e risolutiva deve essere condotta insieme a tutte quelle forze sociali che –come noi– desiderano il mutamento delle attuali politiche economiche, attraverso un’azione non violenta, negli spazi che la legalità consente alla dialettica democratica.
Il contributo dell’azione volontaria alla rimozione delle radici dell’ingiustizia si attua appunto attraverso due ruoli: testimonianza di solidarietà nella storia di ogni giorno, impegno politico per una diversa qualità della vita di relazione nella comunità. Dove politica per noi vuol dire servizio. Siamo quindi in dovere di chiarire –anzitutto– i contenuti che noi attribuiamo alla espressione: «dimensione politica». Non è infatti ancora scomparso il pericolo di una cattiva, erronea lettura, da qualcuno fomentata per allarmare sul ruolo reale svolto dal volontariato. Dimensione politica si tradurrebbe, cioè, come appoggio aperto e collaterale a singole organizzazioni di parte, schieramento aperto o dissimulato in favore di questo o di quello.
Una lettura da respingere sia sul piano teorico, perché una scelta del genere segnerebbe la dissoluzione dei gruppi, la perdita della loro libertà e indipendenza, sia sul piano storico, visto che almeno da dieci anni a questa parte tutte le organizzazioni di volontariato tendono a rafforzare la loro autonomia, a prendere le distanze dai partiti. Distanze opportune non per un rigurgito di stupido qualunquismo, ma per quella distinzione di ruoli che in democrazia è motivo di chiarezza e base di diversificata collaborazione.

tratto da “Il cercatore di arcobaleni – il lungo cammino di Luciano Tavazza”

 

Buona giornata del volontariato!


La redazione

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.