ABBIAMO PERSO DUE GENERAZIONI?

Movità 9-2010 del 10 marzo

Aumenta di anno in anno il consumo di bevande alcoliche tra i giovani italiani. E arriva intorno ai 12 anni il momento del primo bicchiere, un’età che è la più bassa in Europa e per la quale il consumo consigliato è pari a zero. Basti pensare che nel 2008, tra gli 11 e 15 anni, il 17,6% dei ragazzi ha consumato ‘drink’. È un dato che preoccupa quello che emerge dalla relazione al Parlamento sugli interventi realizzati da Ministero della Salute e Regioni in materia di alcol e problemi alcolcorrelati, anni 2007-2008 (clicca qui per approfondire).
Altra notizia di questi giorni la leggiamo nella cronaca di Trieste: alcuni ragazzi sono stati arrestati per aver abusato di un compagno di scuola, notizia che si collega, segnalando un ulteriore passo indietro, alle molte notizie di violenza e bullismo tra i giovani.
Sono solo alcuni dei molti segnali che ci obbligano a fermarci e a chiederci cosa stia succedendo. Gli analisti più severi arrivano ad affermare che il mondo degli adulti ha ormai perso la sfida di “educare” per lo meno con le due ultime generazioni.
Siamo certi che fa più rumore l’albero che cade della foresta che cresce e che nonostante tutto ci sono moltissimi giovani in gamba che si preparano a fare la loro parte come cittadini e come persone con impegno e giudizio.
Ma è doveroso per tutti tornare a pensare che tipo di messaggi noi adulti passiamo ai ragazzi, che modelli proponiamo, quale speranza testimoniamo. E tornare a pensare che tocca a noi, tutti insieme, la responsabilità di accompagnare i ragazzi ad essere gli uomini di domani.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.