Non di solo pane

Movità 26-2011 del 17 novembre

Oggi Mario Monti, parlando al senato, ha affermato il primato della politica sull’economia. Detto da un uomo che l’economia la conosce molto bene è un messaggio importante. Qualcuno potrebbe dubitare che si tratti solo di captatio benevolentiae: dovremo verificare, alla prova dei fatti, se davvero sarà capace di svolgere il suo difficile compito senza essere troppo condizionato dei poteri forti del mondo economico. Se saprà esercitare quell'”arte di sortire insieme dai problemi” a cui si riferiva don Lorenzo Milani, quando definiva cos’è politica. Oggi servono senza dubbio strade nuove, per ridare il giusto peso all’economia e rilanciare un nuovo ruolo dei sistemi di regolazione e composizione degli interessi per mettere d’accordo benessere e sviluppo, uscita dalla crisi ed equità sociale.
Superare il PIL (prodotto interno lordo) e la sua crescita come sinonimi di sviluppo, e sconfessare il dogma del profitto individuale come unico stimolo possibile per questo sviluppo, sono senz’altro strade promettenti per riportare nel dibattito politico la vita e le aspirazioni degli uomini e delle donne, delle comunità, dei popoli e dei cittadini che abitano questo mondo in cambiamento. Che l’economia impari a misurare e produrre non solo il “pane”, ma anche il rispetto dei diritti, la qualità dell’ambiente, il futuro, la pace. La felicità.

 

La redazione

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.