Acqua: bene comune o business per pochi?

Movità 36-2009 del 28 ottobre

Quale sia il confine tra cosa deve essere gestito pubblicamente e cosa può essere affidato al mercato e alla pubblica concorrenza è un tema che interessa molti settori e anche come volontari ci interroga sempre più nel momento in cui diminuiscono le risorse per il welfare e per i servizi e sempre più spesso ci sembra che il volontariato venga invocato come “ammortizzatore sociali a basso costo”.
Il decreto emanato dal governo il 9 settembre scorso chiude il cerchio sulla privatizzazione dell’acqua potabile imponendo agli Enti locali di mettere a gara il Servizio idrico. L’acqua è un bene comune ma in Italia si vuole gestire il servizio idrico attraverso le regole del mercato quali l’affidamento attraverso gare, la concorrenza, la massimizzazione del profitto. Di questo si parlerà nel seminario organizzato dal CeVi, Centro di Volontariato Internazionale,  per venerdì 30 ottobre in cui si incontreranno, all’Università di Udine almeno una trentina di amministratori locali, consiglieri regionali e parlamentari della regione preoccupati delle possibili conseguenze nefaste di questo provvedimento legislativo. (vedi notizia relativa)
L’incontro si pone l’obiettivo di attivare cittadini e Amministratori locali affinché facciano sentire la loro voce, chiedendo al Parlamento che nel momento della conversione in legge del decreto (il 03 novembre 2009 è prevista la prima discussione in Senato) il testo venga modificato togliendo l’acqua dalle privatizzazioni.
Nell’occasione verrà anche lanciata l’adesione alla campagna nazionale “Salva l’acqua”.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.