ALCOOL

Movità 39-2008 del 19 novembre

Abbiamo partecipato recentemente ad un dibattito sull’opportunità di una “festa delle associazioni senz’alcool”. Come si sa in Friuli c’è una radicata e importante cultura del bere: la proposta ha sollevato non poche resistenze ed è stata occasione per una bella riflessione.
Abbiamo capito che non sempre sono efficaci i messaggi “proibizionisti”:  insistere sui danni e i guai che derivano dal bere, cercando di passare un forte messaggio negativo può avere addirittura un effetto contrario. “L’allarme” blocca le persone, le irrigidisce in difesa, non aiuta il cambiamento. Per i giovani, inoltre, la proibizione può rendere la cosa ancora più interessante.
Quello che conta è piuttosto che facciamo spazio anche ad una cultura diversa sul bere, che bere non sia l’unica e omologante possibilità. Che possa essere normale anche non bere.
Le persone hanno bisogno di modelli positivi, di vedere e sperimentare che è possibile vivere le situazioni della vita, che siano di festa o ancor più quelle dolorose, anche in modo differente.  Solo in questo modo potranno essere davvero libere di scegliere.
Ma sopratutto questo sarà un grosso aiuto per coloro per i quali l’alcool può diventare un problema, per quella fetta della popolazione che, nessuno sa fino in fondo perché, ad un certo punto può cadere nel pericoloso circolo vizioso di una dipendenza. Aprire e diffondere spazi dove si sta insieme e si condividono gioie e dolori anche senza l’alcool, promuovere e testimoniare uno stile di vita serenamente libero, è anche questo un modo di esprimere solidarietà.

La redazione di Info-MoVI

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.