“GLI INCENDIARONO IL LETTO SULLA STRADA DI TRENTO”

Movità 38-2008 del 12 novembre

“Gli incendiarono il letto sulla strada di Trento”, cantava Fabrizio De André nella splendida e spaventosa Domenica delle salme: raccontava di un clochard bruciato vivo dai giovanotti di Ludwig. Ieri un altro letto letto ha preso fuoco, una panchina di Rimini su cui dormiva un senzatetto italiano che si chiama Andrea, che è ora in ospedale a Padova, con il quaranta per cento del corpo coperto di ustioni.
Non può che colpirci in maniera violenta un episodio come questo, evocatore di antichi roghi. Qui dietro casa nostra, in una delle zone tutto sommato più ricche del pianeta.
Inutile rispondere con un odio o una violenza simmetrica invocando punizioni esemplari. Dannoso sarebbe anche dimenticare in fretta, come probabilmente avverrà, sommersi come siamo da un mare di notizie di ogni colore. Triste infine liquidare il tutto con un “cose di delinquenti” come a dire che non ci tocca, non ci riguarda.
Interroghiamoci a fondo! Cerchiamo di capire perché succedono fatti come questi.
La storia è vecchia come il mondo e ci parla di una rabbia che si sfoga sull’ultimo, sul diverso, su colui che non si allinea e che solo per questo diventa facilmente vittima, capro espiatorio, parafulmine delle tensioni e della violenza che si accumula nelle pieghe di una società sempre più “disuguale” e sempre meno sicura. Dove cresce la beneficenza ed insieme ad essa la violenza e la distanza tra i primi e gli ultimi della scala sociale.
Pensiamoci a fondo, parliamone, confrontiamoci. In tutti i luoghi educativi diventi un’occasione per insegnare il rispetto delle persone e la necessità della nonviolenza.  Perché il dolore non sia stato inutile serva a tutti per ricordare che la solidarietà, l’accoglienza e il perdono sono le uniche strade possibili per un futuro umano, sicuro e per tutti.

La redazione di Info-MoVI

 


Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.