DEMOCRAZIA PARTECIPATIVA IN EUROPA

Movità 6-2009 del 19 febbraio

Si svolgerà a Firenze, domani e dopodomani, il “Forum della società civile” dal titolo “Democrazia partecipativa in Europa, futuro dell’UE e coinvolgimento della società civile”. L’appuntamento, convocato dalla Rappresentanza della commissione Europea in Italia, è organizzato in collaborazione con il Centro Nazionale del Volontariato e la regione Toscana.

L’iniziativa, scrivono gli organizzatori, fa parte degli “sforzi dell’Ue nell’ambito dei rinnovati percorsi di costruzione della cittadinanza attiva europea”. Infatti la Commissione europea è “sempre più consapevole che i profondi cambiamenti avvenuti nell’Unione in relazione ai molteplici processi di mondializzazione richiedono l’apertura di nuovi canali di partecipazione politica popolare ai processi decisionali comunitari”. Per questo la commissione immagina un importante ruolo della Società Civile che verrà discusso nel seminario.

In questo processo, la prima funzione della Società civile, “di evidente altissimo rilievo politico, è quella di contribuire alla crescita della democrazia partecipativa: alle organizzazioni della società civile è riconosciuta la capacità di svolgere un ruolo di collegamento tra le istituzioni comunitarie e i cittadini”. Nell’incontro organizzato a Pordenone martedì scorso dal MoVI e dalla Caritas , questo tema dello scollamento tra cittadini e istituzioni è stato oggetto di un’interessante riflessione e abbiamo ragionato proprio sulla possibilità del volontariato di contribuire a costruire dal basso un ponte per riempire questo grave vuoto che è una delle fratture alla base della crisi che viviamo.

“La seconda funzione”, proseguono gli organizzatori dell’incontro di Firenze, “è quella di rappresentare gli interessi dei soggetti più deboli presso le istituzioni europee”, funzione storica e centrale per il volontariato.
Tra queste due funzioni si muove oggi la riflessione sul ruolo e l’attualità dell’impegno volontario, vecchie e nuove sfide che dobbiamo saper affrontare insieme, senza perdere il riferimento alla nostra storia e alle nostre radici ma capaci di leggere i segni nuovi dei tempi e rispondere alle nuove domande.

La Redazione

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.