GLI INVALIDI E LA FINANZIARIA

Movità 21-2010 del 9 giugno

«Due milioni e settecentomila invalidi in Italia pongono la questione se un Paese così può essere competitivo»: sono parole pronunciate dal ministro dell’Economia Giulio Tremonti, nel presentare la Manovra Finanziaria Correttiva, contenenti uno stigma tanto grave da caratterizzarsi come uno dei più rilevanti danni recenti per le persone con disabilità.
L’invalido, infatti, sarebbe un “parassita” che blocca la competitività e tale affermazione “razzista” non può che moltiplicarsi presso l’opinione pubblica, enfatizzata da certi organi d’informazione. La realtà è che questa Manovra “mette le mani nelle tasche degli italiani” e pur trovando assai poco in quelle delle persone con disabilità, quel poco intende riprenderselo con decisione inversamente proporzionale alla prudenza usata nei confronti degli evasori fiscali.
E il modo scelto per farlo è il più subdolo, passando cioè il “fiammifero acceso” alle Regioni e decretando sostanzialmente la fine delle già timide politiche regionali sulla non autosufficienza, la domiciliarità e il contenimento del disagio sociale.
Questo quanto denunciato dalla FISH, Federazione Italiana Superamento Handicap, in un comunicato stampa la settimana scorsa: ad ogni volontario il compito di approfondire e farsi un’idea su una questione così importante e delicata che intreccia da una parte un tema forte come la tutela dei diritti di chi è più svantaggiato e dall’altra le scelte di politica generale del nostro governo.

(Leggi il comunicato intero)

La redazione

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.