Due volontarie all’assemblea del MoVI

Monica e Chiara due volontarie del Gruppo Volontari Codroipesi hanno vissuto tre giorni di intensa partecipazione all’Assemblea Nazionale del MoVI.

“Chiara ed io abbiamo partecipato all’Assemblea nazionale del MO.V.I. tenutasi a Roma e dintorni nelle giornate del 5-6-7 dicembre 2015 con tema: “dove sta andando il volontariato?” L’incontro è iniziato con il ricordo della ricorrenza della giornata internazionale del Volontariato celebrata nella mattinata del 5 al Quirinale alla presenza del Capo dello Stato. In occasione di questa convocazione i rappresentanti del mondo del volontariato hanno dichiarato su un comunicato che negli ultimi anni nel nostro paese c’è una maggiore consapevolezza ed un cambiamento positivo di tutto il volontariato. In Italia esiste un volontariato variegato nelle forme e nei modi in cui si esprime, ingegnoso nelle modalità di azione e di assunzione di responsabilità, calato nella contemporaneità  ma memore delle proprie radici e dell’originaria vocazione che lo anima, pronto nello spirito dell’articolo 118 della Costituzione, a realizzare in maniera originale e libera quel principio di sussidiarietà che trasforma soggetti diversi in co-protagonisti dello sviluppo sociale ed economico del Paese, tale da perseguire quel cammino di miglioramento che vuole la piena dignità della persona. Sono stati riaffermati con forza valori essenziali quali la centralità della persona, la costruzione di una società solidale ed accogliente, la gratuità come dono di reciprocità e testimonianza credibile di libertà, il valore della condivisione, la solidarietà come fondamento della convivenza sociale, la sussidiarietà, la partecipazione, la democrazia e la legalità. Tutto ciò è stato confermato nel pomeriggio della stessa giornata nel contesto dell’Assemblea che in quei valori si è ritrovata e ne ha letto l’incisiva testimonianza data in vita da Luciano Tavazza fondatore del movimento e uomo profetico. Chi lo ha conosciuto, oltre a ricordare la sua personalità, lo ha definito un uomo con in mano libro, bottiglia e macchina. Perché Luciano era uomo di fede e per questo aveva sempre con sé la bibbia; amava la convivialità, perché per lui la tavola con la bottiglia era momento di condivisione; la macchina perché era un animatore instancabile dei volontari che incontrava su tutto il territorio nazionale. Ma il volontariato è in continuo mutamento. Oggi più che mai servono azioni che costruiscano pace, cittadinanza attiva, buona politica e democrazia economica.Dopo questo primo importante momento, ci siamo trasferiti a Monte Porzio Catone, nel hotel che ci avrebbe ospitato anche nei giorni successivi. Dopo cena ci siamo ritrovati, disposti in cerchio, ci siamo presentati scambiandoci le nostre esperienze personali: per entrambe, Chiara ed io,  è stato un momento piacevole  attraverso il quale siamo venute a conoscenza di quel panorama di esperienze diversificate che si intreccia nel MO.V.I. Il giorno successivo 6 dicembre, nella mattinata, sono stati proposti tre interventi interessanti.  Il primo “far crescere un economia veramente solidale” ha sostenuto che è compito del volontariato  testimoniare nuove forme di economia e la gratuità in quanto valore infinito e “vocazione” per dare impulso alla democrazia economica;  il secondo “un nuovo patto di cittadinanza ed una buona politica” ha ribadito che il volontariato ha nella sua indole il  cambiamento della coscienza cittadina ed ha un ruolo politico in quanto soggetto di sussidiarietà e promotore di giustizia sociale; il terzo “un futuro sostenibile e solidale” ha sottolineato che il volontariato oggi più che mai deve avere un approccio integrato con la comunità e l’ambiente in cui vive poiché i problemi sociali si intrecciano con i problemi ambientali.Nel pomeriggio ci siamo ritrovati in gruppi di riflessione che avevano lo scopo di riflettere su “quali strade il volontariato doveva prendere per essere considerato a banda larga” . Chiara ed io eravamo insieme nel gruppo di lavoro “come coinvolgere le associazioni sul territorio nel costruire contatti anche attraverso l’esperienza del Movi e come provocare la curiosità delle associazioni e dei singoli cittadini ai valori del volontariato”. Chiara è stata contenta di questa esperienza: è stata attenta e partecipe e questo a me personalmente ha fatto molto piacere. Noi abbiamo presentato la nostra esperienza, abbiamo discusso insieme ad altri su come “abbattere” lo zoccolo duro dei limiti di un coinvolgimento all’ampio mondo del volontariato dovuti alla mancanza di interesse dei cittadini e delle stesse associazioni:  purtroppo nel nostro gruppo non abbiamo trovato soluzioni o nuove strategie. Abbiamo però una convinzione: la fantasia nel creare rete, la responsabilità in ciò che si crede e si realizza, il trasferimento indiretto dei valori del volontariato, darà all’iniziativa vecchia o nuova che sia, la prospettiva di apertura necessaria affinché sia “messaggio a banda larga”. In serata, un simpatico momento di intrattenimento attraverso la proiezione di filmati riguardanti l’esperienza di alcune associazioni presenti all’Assemblea.Nella giornata di lunedì 7 dicembre si è conclusa l’assemblea nella sua parte formale. Una cosa è certa: Chiara ed io siamo state contente di aver partecipato. Ci hanno colpito i contenuti discussi e la diversità delle esperienze personali dei partecipanti. Ci ha fatto piacere scoprire che ci sono persone in Italia che credono nei nostri stessi valori. E che persone! Chiara ed io abbiamo ringraziato il MO.V.I. per la l’opportunità che ci ha offerto e per la bella esperienza vissuta.”

Monica

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.