PER ESSERE ABITANTI E NON OSPITI DI UN TERRITORIO

Nell’epoca della crisi sono sempre più ampie le fasce della società esposte a processi di esclusione. I tagli lineari alle politiche per il Welfare e ai trasferimenti agli Enti locali acuiscono le differenze ed aprono la strada alla marginalizzazione delle cosiddette categorie deboli e non solo. Vengono a mancare servizi essenziali e si sfilaccia il tessuto sociale dei nostri territori. In questo quadro si inseriscono sempre più spesso pennellate di speranza: nascono nelle città, nei quartieri e nelle vie esperienze di resistenza e di ricostruzione. Cresce e si consolida, così, un variegato mondo fatto di gruppi informali, piccole associazioni, attività spontanee ed auto-organizzate di varia natura. Abbiamo incontrato alcune di queste realtà, abbiamo provato ad andare a vedere quanto diverse e nuove possano essere le realtà che praticano la sussidiarietà  orizzontale. Abbiamo scelto di utilizzare la definizione di “Volontariato di Prossimità” perché ci è parso subito chiaro che l’elemento fondamentale è proprio nella vicinanza, nella prossimità dei corpi e degli obiettivi. Un’azione spontanea che ha innanzitutto nel superamento delle solitudini, delle emarginazioni, dei bisogni materiali il suo punto di applicazione e di realizzazione. Una riserva di gratuità, di dono incondizionato e autentico, sottratto al meccanismo mercantilistico, alle logiche della valorizzazione economica, alla monetizzazione del tempo e dell’impegno. Superare le barriere fisiche e immateriali, scardinare l’illusione che si è in contatto col mondo perché si possiede e domina la tecnologia. Recuperare l’idea che la vicinanza è fatta di sguardi, sorrisi, strette di mano e azioni. Tutto questo avviene ogni giorno nelle nostre città senza clamori e senza bisogno di riconoscimenti ufficiali. Collegare questi modi di vivere, far si che si contagino, che da esperienze diverse nasca la consapevolezza della possibilità di un modo diverso di interpretare l’appartenenza fatto non di chiusure e difese ma della scommessa dell’incontro e dell’ottimismo delle azioni è stato uno degli obiettivi di questa prima fase esplorativa. Il volontariato di prossimità è, dunque, fatto di persone che vivono sulla propria pelle le difficoltà di chi gli
è vicino, di chi sfiora la loro vita per il semplice vivere nel medesimo luogo, è la percezione piena della responsabilità di essere abitanti e non ospiti di un territorio.
In quest’ottica donare parte del proprio tempo, mettere a disposizione le proprie competenze professionali al di fuori del proprio luogo di lavoro, essere disponibili all’ascolto divengono azioni dotate di una disarmante naturalezza e, allo stesso tempo, di una potente carica politica e trasformativa che può farci sperare nella possibilità di uscire insieme dalla transizione fra due società, quella consolidatasi fino alla crisi del 2008, e quella alla cui nascita stiamo assistendo e, con questa spinta, cercando di
partecipare e orientare.

di Alfonso Gentile- Responsabile provinciale Mo.V.I. Napoli

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.