GIORNATA MONDIALE DEL RIFUGIATO

Il 20 giugno è definita la giornata mondiale del rifugiato in occasione dell’anniversario dell’approvazione della Convenzione relativa allo statuto dei rifugiati. A parlarne quest’anno sono stati in modo particolare il nostro papa Francesco in un discorso ricco di citazioni delle sacre scritture e il presidente della Repubblica Mattarella.

Il primo ha scelto di concentrarsi soprattutto su ciò che riguarda i giovani, i bambini, definendoli come i più deboli e vulnerabili. Questi piccoli costretti a scappare, spesso da soli e senza alcun tipo di aiuto, diventano obiettivo di sfruttatori che appunto per questa loro vulnerabilità talvolta sono costretti a lavori pesanti e rischiosi, alla prostituzione e ad altre attività illegali. Il nostro presidente Mattarella invece si è più concentrato sul ruolo del nostro Paese nei confronti di questi profughi, rifugiati; l’Italia è infatti uno dei pochi paesi europei ancora disposti ad accoglierli e il primo Paese che queste persone incontrano alla fine dei loro terribili e lunghi viaggi in condizioni inumane, ammesso che riescano a sopravvivere fino alla fine della traversata.

Il progetto per questa giornata che ha avuto più effetto specialmente sui giovani però è stato un video pubblicato su Youtube sul canale YouTube Spotlight con l’hashtag #MoreThanARefugee. Questo video racconta le storie di tre rifugiati, provenienti da luoghi diversi, di diverse età e con storie, sogni, ragioni differenti. Più delle storie e dei volti di queste persone, ciò che davvero colpisce è la risposta degli utenti; tra i commenti nemmeno cercando con attenzione si trova una parola a favore di queste persone, solamente commenti razzisti, insulti, addirittura riferimenti ad Adolf Hitler, alla “supremazia dei bianchi”, al klu klux klan. In meno di due giorni il video è stato visto più di nove milioni di volte e i “dislike” sono più del doppio rispetto ai “like”. L’obiettivo di questo video era probabilmente quello di far capire a tutti come questi rifugiati, profughi, migranti o qualunque sia il nome che gli viene dato, siano in realtà molto vicini e simili a noi; persone con una storia e con dei sogni come chiunque altro al mondo. L’effetto ottenuto è invece l’esatto contrario, il video è risultato un pretesto per sfogare il proprio odio verso un gruppo di persone completamente diverse e unite tra loro dal solo fatto di essere stati costretti a scappare dalla propria patria. Chi ha scritto queste parole d’odio non ha mostrato la faccia, non ha utilizzato il suo nome, come sempre avviene tramite internet.

Finchè le uniche persone a far sentire la propria voce sono coloro che senza alcuna ragione e senza conoscere davvero odiano, sarà sempre difficile riuscire ad aiutare questi uomini, donne, ragazzi, bambini a realizzare i loro sogni e a vivere la vita che desiderano. Anche chi è pronto ad aiutare, ad accogliere, deve iniziare a farsi sentire!

Emma Della Vedova

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.