IL 2011 SARÀ ANNO EUROPEO DEL VOLONTARIATO

Movità 5-2009 del’11 febbraio

“Sono felice di poter comunicare che, dopo una lunga campagna di sensibilizzazione che ha visto la partecipazione attiva delle reti del volontariato europeo, la Commissione europea ha avviato i preparativi per designare il 2011 Anno Europeo per il Volontariato”.Con queste parole Marian Harkin, Parlamentare europea e promotrice della Risoluzione sul contributo del volontariato alla coesione economica e sociale, ha annunciato che la Commissione europea ha incaricato di avviare le procedure per proclamare il 2011 Anno Europeo del Volontariato.

“E’ importante lavorare affinché il mondo del volontariato accresca la consapevolezza e la capacità di essere un attore politico, strategico soprattutto in un momento di crisi sociale ed economica come quello che stiamo vivendo”, afferma Marco Granelli, presidente di CSVnet, Coordinamento nazionale dei Centri di Servizio per il Volontariato che auspica “programmi per una concreta valorizzazione del contributo dei cittadini attivi alla coesione sociale.”
Riflettori quindi sul volontariato e sul contributo che porta alla coesione economica e sociale. Il volontariato del sud d’Europa (Spagna e Italia) è sempre stato più attento alla dimensione sociale che “alla coesione economica”. Questo in Italia ha portato per esempio a creare le due realtà fortemente collegate ma distinte del volontariato da una parte e dell’impresa sociale dall’altra, distinzione non presente e non facilmente spiegabile in altri contesti europei dove parlando di volontariato si intende genericamente il mondo del privato sociale. Prepariamoci quindi a questo confronto che sarà tanto più proficuo quanto più sapremo conoscerci e capirci anche nelle reciproche differenze.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.