IL WELFARE DA DIRITTO UNIVERSALE DIVENTA CONCESSIONE COMPASSIONEVOLE.

Movità 8-2010 del 4 marzo

“C’è il rischio che anche il volontariato e l’associazionismo possano essere strumentalizzati e considerati la soluzione a basso costo ai crescenti problemi sociali di oggi: occorre evitare in ogni modo il ritorno a una beneficenza pietistica che alimenta l’assistenzialismo e cancella una lunga storia di seria collaborazione progettuale tra servizi e realtà della società civile, nel rispetti di ruoli complementari, per una reale promozione della persona in difficoltà”

Che ne pensate? Dite la vostra sul nuovo FORUM del MoVI Nazionale: quì!

 

La redazione

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.