LE DUE ITALIA E LA MEMORIA

Movità 4-2010 del 3 febbraio

«La Repubblica italiana riconosce il giorno 27 gennaio, data dell’abbattimento dei cancelli di Auschwitz, “Giorno della Memoria”, al fine di ricordare la Shoah (sterminio del popolo ebraico), le leggi razziali, la persecuzione italiana dei cittadini ebrei, gli italiani che hanno subìto la deportazione, la prigionia, la morte, nonché coloro che, anche in campi e schieramenti diversi, si sono opposti al progetto di sterminio, ed a rischio della propria vita hanno salvato altre vite e protetto i perseguitati.»

(art 1 legge 211/2000)


Scrive su VITA Franco Bomprezzi: “esistono parallelamente due Italie, una civile e educata, attenta ai diritti sensibile rispetto alle dignità delle persone … un’altra volgare, arrogante … cafona al punto da risultare incapace persino di capire dove sia il problema”. Bomprezzi si riferisce all’uso disinvolto del termine “mongoloide” usato anche in TV, in certe trasmissioni, come termine per offendere gli altri, senza nessun rispetto per le persone portatrici della sindrome di Down. Conclude l’articolista “la sproporzione tra le due parti del Paese appare tristemente evidente, e perciò, nella settimana che celebra la Giornata della Memoria, voglio ricordare come lo sterminio degli ebrei venne preceduto negli anni 30 dall’eliminazione dei disabili mentali, ritenuti di razza inferiore … pagina rimossa è quasi ignota della storia”.
Che la memoria di fatti tanto atroci serva davvero a risvegliare le coscienze. Anche se certo oggi siamo lontani da quegli scenari è bene ricordarci che alcuni valori non devono mai essere dimenticati.

La redazione

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.