Legami che fanno bene

Durante il primo weekend di giugno si è tenuta a Frascati la conferenza nazionale del MoVI che ha visto confrontarsi circa 90 persone di età, provenienza ed esperienze diverse attorno ad alcuni dei temi sociali più sentiti degli ultimi anni ovvero la giustizia, il rispetto dell’ambiente e la pace.
Nel corso delle giornate si sono alternate conferenze ad attività laboratoriali e di socializzazione che hanno permesso di creare nuovi legami tra persone dapprima estranee.
Il duplice obbiettivo del weekend è stato centrato. Da un lato, infatti, si è voluto creare ponti tra territori e dall’altro riflettere sulla strada che il MoVI dovrà percorrere nel futuro.
Lungo il percorso ci si è rivolti indietro a partire dal 2011, Anno Europeo del Volontariato, fino ad arrivare al laboratorio di Albano del 2021 per riflettere e progettare il futuro.
La bellezza di momenti di formazione come questo sta nel sentirsi parte attiva, persona la cui opinione è importante, tessera di un mosaico in continua evoluzione.
Vorrei vedere aumentare la presenza di volta in volta, sedermi ad un tavolo per pranzare o cenare con perfetti sconosciuti destinati a diventare gli “amici” della prossima formazione. Creare nuove sintonie è naturale e facile così come raccontarsi, almeno in parte.
I momenti di svago poi rafforzano i legami creati durante i lavori e permettono di scambiarsi i contatti o di accordarsi per visitare le reciproche realtà.
Ed infine ci sono gli imprevisti come il deragliamento del treno di venerdì scorso, con conseguenti annullamenti e ritardi, che ci fanno condividere l’ansia di non riuscire a rientrare ma soprattutto ci permettono di sostenerci e sdrammatizzare assieme. Il messaggio “ciao, sei rientrato/a?” diventa una naturale conseguenza.
Sara

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.