L’ITALIA E L’EUROPA MANTENGANO LA PROMESSA DI SCONFIGGERE LA POVERTÀ

Movità 14-2010 del 14 aprile

«Solo uniti possiamo sconfiggere la povertà e raggiungere gli Obiettivi del Millennio»: è questo lo slogan con il quale nei giorni scorsi è stata lanciata in Italia e in tutti gli altri Paesi dell’Unione Europea una campagna che intende raccogliere tante cartoline elettroniche da indirizzare ai capi di Governo e al presidente di turno del Consiglio Europeo, per chiedere il rispetto delle promesse contro la povertà estrema, stabilendo una serie di scadenze vincolanti. Una battaglia organizzata dalla Coalizione Italiana contro la Povertà in vista del Summit di settembre delle Nazioni Unite sugli Obiettivi di Sviluppo del Millennio (Millennium Development Goals), insieme a numerose organizzazioni non governative europee per chiedere a tutti i Governi dell’Unione Europea di rispettare le promesse fatte per debellare la povertà estrema, concordando un piano ambizioso per raggiungere i citati Obiettivi del Millennio, da discutere al Consiglio Europeo di giugno e da presentare al già citato Summit delle Nazioni Unite.
Per l’Italia la campagna è promossa dalla Coalizione Italiana contro la Povertà – nata nel 2005 e composta da decine di organizzazioni, associazioni, sindacati e movimenti della società civile italiana e internazionale – e dalla Campagna del Millennio delle Nazioni Unite, insieme ad ActionAid, Agesci, Agimondo, Amici dei Popoli, Amnesty International Italia, AMREF, Articolo 21, FOCSIV-Volontari nel Mondo, Forum Nazionale Giovani, Inter Press Service, Link 2007, Nigrizia, Oxfam-Ucodep, Redattore Sociale, Tavola della Pace, UISP, Unimondo, Vita Non profit Magazine, WWF Italia, Acli Milano, Celim Bergamo, Comi e Vispe.

Per aderire alla campagna, accedere al sito della Coalizione Italiana contro la Povertà ed esattamente alla pagina raggiungibile cliccando qui. Per ulteriori informazioni: Alessandra Tarquini, tel. 347 9117177, stampa@gcap.it.


La redazione

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.