VOLONTARI IN ASSEMBLEA

Movità 24-2009 del 2 luglio

L’assemblea annuale delle associazioni di volontariato del Friuli Venezia Giulia, si è riunita sabato scorso a Pordenone, convocata dall’Assessore al Volontariato Roberto Molinaro: presenti circa un centinaio di rappresentanti su oltre mille “convocati”.
L’assessore con l’occasione ha rilanciato il percorso per la revisione della normativa regionale sul volontariato, impegnandosi a insediare entro l’autunno una commissione di studio. L’assessore ha riproposto l’interrogativo circa l’opportunità di superare una normativa specifica del volontariato a favore di un testo unico che si occupi di tutte le espressioni della solidarietà organizzata. Come volontari ci siamo espressi in più occasioni a sfavore di questa soluzione che rischia di alimentare la confusione in un settore dove c’è già poca chiarezza. Sarebbe piuttosto utile una migliore distinzione tra impegno gratuito e disinteressato a favore della collettività  rispetto ad altre altrettanto meritevoli forme di organizzazione di servizi e risposte ai bisogni di determinati gruppi di persone.
L’assemblea ha anche provveduto ad eleggere i propri rappresentanti per il Comitato di gestione del Fondo per il Centro Servizi al Volontariato. Sono stati nominati Barretta Cristina per la provincia di Gorizia, Volo Alen per Trieste, De Re Mariangela per Pordenone, Carlo del Vecchio per Udine.
Qualche malumore tra i presenti per il fatto che nell’indicare le candidature non si è tenuto conto di una delibera dell’assemblea di Gorizia del 2004 che fissava il limite di due mandati consecutivi anche per questo incarico: l’assessore si è impegnato a fare chiarezza su questo punto nella sede del Comitato Regionale.
Inoltre non c’è stato sufficiente tempo per confrontarsi sui mandati da affidare ai candidati ne di conoscerli, non essendoci stati ne incontri provinciali preparatori ne la consueta sospensione dei lavori per permettere di parlarne suddivisi per provincia. Qualche disagio infine sulle procedure per la formalizzazione delle candidature.
Il Volontariato è una scuola di democrazia e partecipazione: non lasciamo passare questi piccoli disguidi. Che diventino invece occasione per rilanciare uno stile di correttezza e cura partendo proprio da casa nostra!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.