PERCHÈ IL VOLONTARIATO IN UNA SOCIETÀ COME LA NOSTRA? PER RISCOPRIRE IL PROSSIMO NEL PROSSIMO

Movità 32-2007 del 10 ottobre

Paul Virilio dice che “il fatto di essere più vicini di chi è lontano che di colui che ci cammina a fianco è un fenomeno di dissoluzione politica della specie umana”. Oggi esiste una  preoccupante tendenza alla “disintegrazione dei presenti a beneficio degli assenti”, assenti che si fanno presenti virtualmente attraverso la televisione o internet.

“Un uomo scendeva da Gerusalemme a Gerico… così comincia uno dei racconti di solidarietà più conosciuti nella nostra cultura. E’ la storia del Buon Samaritano, narrata nel Vangelo di Luca. Una storia semplice. La parabola del Buon Samaritano ci offre, secondo me, le chiavi più proprie e specifiche del volontariato, ossia:

•    La pratica della solidarietà non come attività straordinaria,  al margine della vita quotidiana, bensì nel trascorrere della vita quotidiana, mentre passeggiamo per la città, mentre andiamo al lavoro, mentre godiamo dell’ozio;
•    Lo sviluppo della nostra capacità di guardare ai margini della strada, là dove sono distese le vittime del nostro stile di vita, senza lasciarci abbagliare dalle luci al neon delle nostre grandi strade, dagli scaffali pieni di beni di consumo, riflesso di tutte le conquiste della nostra società;
•    La esigenza di fermarci, di spezzare la normalità della nostra vita, di lasciarci commuovere dalle vittime fino al punto di lasciare in sospeso ciò che ci proponevamo di fare;
•    E una esigenza che non è opinabile, relativa, bensì assoluta: niente può giustificare il fatto che vada dritto per la mia strada.

In definitiva, l’esempio del Samaritano ci insegna che il volontariato è tutta quella pratica di solidarietà offerta incondizionatamente nella nostra vita. E’ una solidarietà immediata, che ci permette di raschiare il velo di invisibilità che accompagna le grandi cifre e guardare in faccia le richiesta di un nostro aiuto.

L’apporto più specifico del volontariato attiene alla scoperta dell’urgenza del nostro intervento volontario, un intervento la cui responsabilità non può essere trasferita, perché se non ci fermiamo e prestiamo il nostro aiuto lasciamo indietro la vittima che ce lo chiede, e assieme alla vittima lasciamo indietro la nostra umanità.

La redazione di Info-MoVI


Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.