PERCHÈ IL VOLONTARIATO IN UNA SOCIETÀ COME LA NOSTRA? PER SCOPRIRCI RESPONSABILI

Movità 33-2007 del 17 ottobre

“E’ necessario riconoscere che la relazione con l’altro non dipenda da una scelta personale: abbiamo un debito con lui che abbiamo contratto ancora prima di riconoscere la sua esistenza. In effetti, esiste una trama di legami fra gli esseri umani che deriva dalla nostra natura fraterna che ci impegna con degli obblighi la cui ignoranza non esime dal portali a compimento. Una responsabilità che può arrivare fino al sacrificio.”

Siamo responsabili anche di quello che non abbiamo fatto. A partire dalle concezioni di giustizia che oggi dominano (la conservatrice, secondo la quale fare giustizia è garantire ciò che si possiede; la progressista, che difende il diritto di tutti a possedere il minimo per vivere), non è neppure possibile difendere che lo 0,7% da devolvere allo sviluppo del Sud sia un problema di giustizia, perché in nessuna delle due concezioni noi ci consideriamo responsabili della miseria del Sud. Al massimo, partendo dalla concezione progressista, troveremo ragioni per impegnarci alla ricerca di soluzioni, ma non imperativi per farlo. Solo se siamo capaci di riconoscerci debitori dell’altro – solo se accettiamo che l’altro tiene una contabilità che non coincide con la nostra – possiamo aprirci incondizionatamente alla esigenza di dare il nostro aiuto.

La redazione di Info-MoVI


Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.