TRENT’ANNI DEL MOVIMENTO DI VOLONTARIATO ITALIANO

Movità 37-2008 del 5 novembre

Ottobre 1978 – Ottobre 2008: il Movimento di Volontariato Italiano compie trent’anni. Quante migliaia di esistenze tremanti avranno scaldato i volontari degli ottocento gruppi che in tutta Italia hanno deciso di seguire la strada del Mo.V.I. scegliendo le sue federazioni provinciali e regionali?
Tossicodipendenze, minori, handicap, anziani, collegamento di esperienze volontarie, tutela dei diritti, formazione: questi alcuni degli ambiti di azione di questo motore della cittadinanza attiva e solidale messo in moto nel 1978 da Luciano Tavazza. Un movimento nato laico, democratico, federativo, indipendente e politico che da trent’anni trova negli articoli 2 e 3 della Costituzione l’indicazione dei propri doveri inderogabili di solidarietà politica, economica e sociale: una solidarietà che nella storia dei gruppi Mo.V.I. si esprime nella rimozione delle cause del disagio.
Ispirato da questi principi, il Movimento, guidato dal 2005 da Grazia Maria Dente, in questi trent’anni, in cui alla presidenza si sono succeduti Giuseppe Lumia, Gianfranco Solinas, ed Emanuele Alecci, è stato in prima fila in tante iniziative che hanno riguardato il volontariato e dunque la società italiana. Dal contributo offerto alla Legge del Volontariato del 1991, alle politiche di contrasto alle mafie basate sulla socializzazione del territorio, dalla legge di riforma dell’assistenza alla formazioni agli operatori sociali proprio su questa legge, dalle centinaia di giovani impegnati nel servizio civile, fino alla strenua difesa della gratuità del volontariato.
L’attenzione e l’ascolto del territorio, strumento fondamentale dell’azione del piccolo volontariato che nell’esperienza del Mo.V.I. si riconosce, continua a far emergere bisogni vecchi e nuovi ma con intensità sempre maggiori. Per rendere più incisiva la risposta del Movimento il Comitato Nazionale, riunitosi a Cosenza, ha messo in cantiere una fitta serie di iniziative.
E’ stato stilato un calendario che in diverse Regioni, grazie alla oggettivizzazione di una griglia comune, valuterà lo stato della riflessione e le prassi della partecipazione e della rappresentanza esercitata dal Mo.V.I. in quei differenti territori.
Il tema della legalità sarà al centro di un seminario che il  Mo.V.I. nazionale, assieme alle federazioni di Veneto, Campania, Puglia, Calabria e Sicilia nel corso del mese di gennaio 2009 vedrà coinvolti giovani di quelle regioni.
Nel frattempo si è concluso il primo anno di attività delle centinaia di ragazzi che hanno scelto le realtà Mo.V.I. per svolgere il loro anno di Servizio Civile. Anche su questo tema il Movimento effettuerà, sempre nel corso del prossimo gennaio, delle valutazione e delle analisi sulle prospettive future
“In febbraio – spiega la Presidente Grazia Maria Dente – vivremo un convegno che, partendo da una riflessione sulla nostra storia, ci aiuti a delineare degli scenari e delle prospettive per il futuro”.
In primavera si svolgerà l’Assemblea Nazionale del Movimento di Volontariato Italiano. Oltre al rinnovo delle cariche, questo momento di incontro e riflessione, sarà un passaggio molto importante su alcuni temi di fondo quali povertà, criminalità, eventuale crisi di valori e di impegno, “ma anche – spiega la Presidente G.M. Dente – modernizzazione e globalizzazione, così da poter proporre alla società italiana la riflessione matura del Mo.V.I.”

La redazione di Info-MoVI

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.