VOLONTARIATO E RAPPRESENTANZA: LA POLITICA “DAL BASSO”?

Movità 2-2008 del 31 gennaio

Le vicende politiche recenti ci portano a interrogarci in maniera ancor più pressante sul tema della rappresentanza. La crisi attuale, dice Gregorio Arena “è pericolosamente diversa dalle altre, perché fra elettori ed eletti ormai c’è un baratro di sfiducia, diffidenza, risentimenti.”

Non abbiamo risposte ma come cittadini e come volontari siamo a disagio.

Esiste e può avere un ruolo in questa crisi, una politica “dal basso”, quella politica diffusa e partecipata costruita dal volontariato, dall’associazionismo e dall’attivismo civico, ecc., che è portatrice di un “valore aggiunto” in termini di partecipazione, democrazia e trasparenza?
Questa politica dal basso che impotranza ha oggi, nella nostra società, può influenzare le scelte di chi ci governa?

C’è una responsabilità del volontariato nel far sì che questo patrimonio importante di azioni e di idee riporti la politica alla società, alla quotidianità delle persone, all’idea della politica come servizio e gratuità?
Se ne discute all’interno delle associazioni?
Qual è il grado di partecipazione, di consapevolezza, di “testimonianza”, di responsabilità che i volontari esprimono nelle diverse realtà in cui si trovano impegnati?

La redazione di Info-MoVI

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.