RAPPRESENTANZA E RAPPRESENTATIVITÀ DELLE ORGANIZZAZIONE DI CITTADINI: UNA QUESTIONE IRRISOLVIBILE?

Movità 5-2008 del 21 febbraio

Si è tenuto  mercoledì 13 febbraio 2008 a Roma un interessante  seminario di studi sul tema  “Rappresentanza e rappresentatività delle organizzazione di cittadini: una questione irrisolvibile?” Il “parlare a nome di” e l’agire per conto di” sollecitano a riflettere sul concetto di rappresentanza. Troppe volte ci viene rivolta la domanda: ma quanti siete? Qualche funzionario europeo si è sentito rispondere con grande enfasi: “Parlo a nome di 8 milioni di cittadini europei”. Chi ha dato mai una simile legittimazione? Con chi verifica il  mandato questo “rappresentante”?
Nella legislazione italiana si fa spesso riferimento alle “associazioni maggiormente rappresentative”. Questo ha creato spesso un equivoco, favorendo una sovra-rappresentanza di soggetti con maggiori risorse e poco volontariato, potenziando il riconoscimento e la visibilità dei leaders più che la voce dei membri delle organizzazione stessa.
Le due tendenze da evitare sono: “la rappresentanza non è un problema, valiamo per quello che facciamo” e il ricorso alla “Certificazione formale” a cui molte associazioni stanno approdando. Il mondo del volontariato italiano è una galassia, un caleidoscopio di  piccole e medie associazioni. Come fare  si che queste riescano a far sentire la loro voce e diventino soggetti politici per la costruzione di un mondo migliore?
Il seminario ha lanciato una ipotesi affascinante: perché non sperimentare un percorso che veda il passaggio dall’idea di rappresentanza a quella di rilevanza delle organizzazioni di cittadini?

Continueremo nel prossimo editoriale.

La redazione di Info-MoVI

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.