Riflessioni di un nuovo italiano

Sono un ragazzo di 19 anni, nato in Romania, italiano per legge solo dal 2012. Dopo la strage di Lampedusa, costata la vita a centinaia di uomini, donne e bambini, è stato osservato un minuto di silenzio in tutte le scuole. Ho voluto osservare quel minuto di silenzio pensando alle ragioni che hanno portato queste persone a rischiare – e a perdere – la vita per venire in un paese che, diciamocelo, sta andando a rotoli. Anche i miei genitori hanno rischiato venendo qui: certo, non hanno rischiato la vita, ma hanno rischiato, perché hanno lasciato i loro figli con i nonni e sono venuti qui solo per darci il meglio. Sono venuti senza avere un lavoro sicuro, armati solo di speranza. Quella speranza oggi è realtà: ora abitiamo qui, tutti insieme, conducendo una vita più che normale a Roncaglia. Credo che i morti di Lampedusa desiderassero “solo” questo. Gli immigrati vengono in Italia perché credono nel nostro Paese mentre noi, che siamo qui, non abbiamo nemmeno più un briciolo di speranza. Vorrei tanto che i miei coetanei si immedesimassero in quelle persone che si sono salvate, vorrei che vedessero con i loro occhi. Certi commenti – sentiti di persona, o letti sui social network – mi hanno atterrito. Come si sentirebbero i miei coetanei se altri dicessero di loro: «Sono morti in troppo pochi», o «Così imparano a stare a casa loro» o, ancora, «Gli servirebbe di peggio»? Come starebbero loro? I miei coetanei devono cogliere una sola lezione: non sei d’accordo con l’immigrazione? Bene, posso capirti. Gli immigrati ti stanno antipatici? Mi va benissimo. Ma sul rispetto non transigo. Il rispetto non deve mancare mai. Perché rispettare i defunti e quelli che soffrono è la prima cosa che dovrebbero insegnare i genitori ai loro figli fin da piccoli. Ma i giovani italiani, spesso, rispetto proprio non ne hanno. Dicono che il Paese stia andando a rotoli a causa dei vecchi che sono al governo: beh, non oso immaginare come sarà il nostro Paese quando al governo ci saranno i giovani che in questi giorni, su Facebook e nelle discussioni dal vivo, schiacciano l’umanità che è in loro ridendo dei morti di Lampedusa.

da un articolo su stampa nazionale “Mattino di Padova”.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.