SERVONO ANCORA SEDI DI CONCERTAZIONE E CONFRONTO TRA VOLONTARIATO E ISTITUZIONI?

Movità 32-2008 dell’1 ottobre

In una lettera inviata al ministro Sacconi e al sottosegretario Roccella, la consulta nazionale del volontariato, la Convol (a cui aderisce anche il MoVI) e CsvNet evidenziano il mancato coinvolgimento delle associazioni nel percorso di organizzazione della conferenza Europea del Volontariato che l’Osservatorio Nazionale del Volontariato sta organizzando. Nella lettera si denuncia l’assenza totale di un interlocutore politico con cui il volontariato possa dialogare anche per discutere le priorità del mondo del volontariato.
Di questi giorni la notizia di una proposta di legge in regione per l’abolizione, tra gli altri “enti inutili” del Comitato Regionale del Volontariato. Con l’alibi della riduzione delle spese, ci sembra invece che rischi di essere un vero passo indietro nel dialogo tra società civile e amministrazione, a favore invece di un maggior centralismo e di un ulteriore allontanamento della politica dalla gente.
La qual cosa ancor più sorprende proprio in un momento in cui l’assessore regionale al volontariato si è detto favorevole ad una riforma della legge regionale sul volontariato per recepire le riflessioni e le richieste del mondo del volontariato in direzione, tra le altre cose, di un rilancio del ruolo del comitato come organo ufficiale di rappresentanza dei volontari.
Insomma, anche se siamo certi che si interverrà per evitare quest’ultima cancellazione, ci sembra doverosa una riflessione sulle idee e le modalità di gestione dei rapporti tra istituzioni e cittadini che sembrano fare capolino dietro questi avvenimenti: il dialogo, la concertazione, il costruire insieme rischiano di essere vissuti come un inutile perdita di tempo, come un peso da superare. Qualcuno ipotizza che questo sia un effetto collaterale del sistema bipolare: chi vince non ha bisogno di dialogare con gli “altri”.
Noi crediamo piuttosto che la maturità politica e civile di una classe dirigente si veda proprio nella capacità di ascoltare e tenere conto di tutte le voci in campo e che solo questo garantisce scelte politiche forti e capaci di affrontare con il necessario consenso la complessità della società odierna.
Certo tagliamo gli sprechi! Chi non sarebbe d’accordo. Ma non è certo uno spreco investire in dialogo e sedi di progettazione e confronto intorno a progetti ampi e condivisi: anche questa è sussidiarietà!

Maggiori approfondimenti nelle notizie successive.

La redazione di Info-MoVI

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.