Sicurezza un bene comune

Movità 8-2009 del 6 marzo

Anche la sicurezza è un bene comune. Riguarda tutti, non può essere “privatizzata”, deve essere salvaguardata e promossa da tutti insieme.

Nella vecchia concezione che vedeva contrapposti stato e cittadini, il primo unico delegato a tutelare gli interessi collettivi e i secondi pensati unicamente come portatori di interessi particolari, la questione si risolveva semplicemente: tocca solo allo stato occuparsi di sicurezza.

Oggi conosciamo bene i limiti di quel modello e proprio per questo, anche come volontari, ci adoperiamo al fianco delle istituzioni per “condividere”, ognuno con il suo specifico ruolo, la cura dell’interesse generale, dei beni comuni, che, come affermato anche all’articolo 118 della costituzione, può essere anche oggetto dell’azione dei cittadini singoli e associati e deve ani essere favorita. E’ questo il principio di sussidiarietà.

Quindi ben venga una chiamata ai cittadini perchè si interessino e si attivino per la sicurezza.
Ma non stà quì il punto nel dibattito sulle “ronde” aperto recentemente dalla discussa iniziativa governativa.
Il problema è piuttosto se si può difendere un bene comune, la sicurezza in particolare, senza mettere al centro il “dovere inderogabile di solidarietà”. In altre parole se non c’è il rischio che le ronde invece di tutelare un bene comune, alla fine puntando sulla paura e la difesa degli interessi di pochi,  alimentino pericolose spirali, purtroppo antiche come il mondo, che invece di creare più sicurezza aumentino il loro contrario.
Come volontari pensiamo che non servivano proprio queste “ronde”. C’erano già tutti gli strumenti, anche legali, per un impegno dei cittadini per la sicurezza e ci sono in giro per l’Italia anche innumerevoli esperienze positive, solidali e importanti di collaborazione tra istituzioni e cittadini in questo campo. Anche collaborazioni tra questure e volontari su temi difficili e delicati come quelli della devianza, della prostituzione, per fare un esempio. Senza dimenticare l’impegno diffuso e quotidiano delle mille realtà impegnate nei quartieri, nei paesi, nelle periferie per promuovere socialità, qualità della vita, per accompagnare la crescita dei ragazzi, per risolvere i problemi del territorio: non è anche questo sicurezza?

La redazione

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.