Sostegno al volontariato

Il bilancio

  • La semplificazione delle forme di sostegno al volontariato organizzate dalla regione (ex L12-95) art 8), ha nei fatti prodotto una distribuzione a pioggia di finanziamenti, senza orientare le risorse in base a priorità o linee politiche chiare e non favorendo progetti in rete e di spessore regionale. Inoltre, come ulteriore effetto, le risorse investite in formazione per il volontariato sono negli ultimi anni diminuite enormemente mettendo anche in discussione il fatto che la formazione sia una risorsa strategica indispensabile per il volontariato.
  • Il CSV ha aumentato la trasparenza rispetto ai finanziamenti concessi, come richiesto da più parti, e ha migliorato l’organizzazione per l’erogazione dei servizi. Non è facile esprimere un bilancio sull’impatto dell’attività di finanziamento ai progetti delle OdV: certamente positivi i singoli progetti ma nell’insieme il meccanismo non ha favorito la messa in rete e l’apertura al territorio, creando a volte alcuni meccanismi non sempre positivi per la crescita del volontariato.
  • Le piccole associazioni spesso non conoscono nè il CSV nè l’opportunità di iscriversi al registro regionale. Alcune lamentano un’eccessiva burocrazia derivante dalle attuali leggi.
  • Il CSV deve accogliere con particolare attenzione ai bisogni delle piccole associazioni, avendo cura di adattare le consulenze alle specifiche necessità di queste ultime e sviluppando servizi utili a sostenere e promuovere questo volontariato diffuso e poco strutturato che rappresenta una grossa ricchezza dei nostri territori.
  • Per il sostegno a progetti delle OdV sarebbe preferibile l’intervento diretto della Regione, attraverso bandi pubblici, su linee concordate con il Comitato Regionale. Per questo va però rivisto l’attuale regolamento di attuazione della LR 12-95, verificandone gli indirizzi e le priorità.
  • Sarebbe auspicabile un sostegno stabile alle OdV per le loro spese di funzionamento generale, da erogare in base ad opportuni criteri utili a premiare l’effettivo radicamento sul territorio, la capacità di aggregazione sociale e di lavorare in rete, la valenza sociale delle attività svolte. La logica dei bandi rischia di spingere le OdV a costruire progetti per correre dietro al finanziamento necessario per sopravvivere invece di essere sostenute semplicemente per rispondere agli scopi statutari, per cui sono nate.
  • Perché la Regione possa realizzare al meglio il proprio ruolo istituzionale di promozione e sostegno al volontariato, è fondamentale che venga potenziato l’ufficio Regionale del Volontariato con adeguate risorse umane e finanziarie utili non solo a seguire le pratiche amministrative ma anche a svolgere, in accordo con il Comitato Regionale, un efficace ruolo di documentazione e analisi sulla realtà del volontariato, verifica e controllo dell’applicazione delle normative.
  • Il finanziamento di progetti delle OdV da parte del CSV, pur non essendo da escludere del tutto, deve essere messo in secondo piano rispetto alla priorità di sostenere direttamente progetti di ampio respiro costruiti insieme alle OdV e attività promosse dalle reti e dai coordinamenti nei vari territori. Questi progetti, costruiti attraverso una reale partecipazione attraverso processi trasparenti e democratici, possono diventare parte integrante del programma del CSV senza dover passare dai bandi.

Il futuro

  • Il CSV deve accogliere con particolare attenzione ai bisogni delle piccole associazioni, avendo cura di adattare le consulenze alle specifiche necessità di queste ultime e sviluppando servizi utili a sostenere e promuovere questo volontariato diffuso e poco strutturato che rappresenta una grossa ricchezza dei nostri territori.
  • Per il sostegno a progetti delle OdV sarebbe preferibile l’intervento diretto della Regione, attraverso bandi pubblici, su linee concordate con il Comitato Regionale. Per questo va però rivisto l’attuale regolamento di attuazione della LR 12-95, verificandone gli indirizzi e le priorità.
  • Sarebbe auspicabile un sostegno stabile alle OdV per le loro spese di funzionamento generale, da erogare in base ad opportuni criteri utili a premiare l’effettivo radicamento sul territorio, la capacità di aggregazione sociale e di lavorare in rete, la valenza sociale delle attività svolte. La logica dei bandi rischia di spingere le OdV a costruire progetti per correre dietro al finanziamento necessario per sopravvivere invece di essere sostenute semplicemente per rispondere agli scopi statutari, per cui sono nate.
  • Perché la Regione possa realizzare al meglio il proprio ruolo istituzionale di promozione e sostegno al volontariato, è fondamentale che venga potenziato l’ufficio Regionale del Volontariato con adeguate risorse umane e finanziarie utili non solo a seguire le pratiche amministrative ma anche a svolgere, in accordo con il Comitato Regionale, un efficace ruolo di documentazione e analisi sulla realtà del volontariato, verifica e controllo dell’applicazione delle normative.
  • Il finanziamento di progetti delle OdV da parte del CSV, pur non essendo da escludere del tutto, deve essere messo in secondo piano rispetto alla priorità di sostenere direttamente progetti di ampio respiro costruiti insieme alle OdV e attività promosse dalle reti e dai coordinamenti nei vari territori. Questi progetti, costruiti attraverso una reale partecipazione attraverso processi trasparenti e democratici, possono diventare parte integrante del programma del CSV senza dover passare dai bandi.
  • È necessario ripensare e rilanciare il ruolo della formazione, valorizzando una formazione adatta alle reali necessità di crescita e promozione del volontariato e valorizzando la “Carta di intenti per la formazione del Volontariato in FVG”.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.