TITOLO

Movità 6-2010 del 17 febbraio

Lunedì 15 febbraio, a Milano, preso la mensa dei poveri dell’opera Cardinal Ferrari, si è tenuta l’inaugurazione dell’anno europeo della lotta alla povertà e all’esclusione sociale al quale il MoVI ha partecipato con una delegazione nazionale. Il ministro Sacconi, tra gli altri interventi, ha presentato le iniziative previste lanciando in particolare una “Campagna nazionale per il dono contro la solitudine”. Tema fondante del volontariato, il dono, è stato giustamente invocato come primo antidoto contro l’esclusione sociale. Il CNCA, per nome del suo portavoce Lucio Babolin ha espresso un duro commento affermando che “I poveri non si aiutano con la beneficenza, Il ministro Sacconi elogia il dono e dimentica i diritti”.
Dibattito importante e da approfondire: ci auguriamo che l’occasione dell’Anno Europeo della Lotta alla Povertà ci possa aiutare a fare chiarezza oggi su cosa serve davvero e cosa possiamo fare per ridurre progressivamente la povertà.
Anche a noi sembra che ci sai un rischio reale di semplificare la riflessione se ci si limita a individuare le situazioni di bisogno e rispondere con aiuti concreti senza porsi anche l’obiettivo di comprendere ed eliminare le cause che generano l’ingiustizia e l’esclusione sociale. Bisogna certo fare la prima cosa ma senza dimenticare la seconda.

Anche a noi pare che il programma presentato dal Ministro, ricco di iniziative condivisibili e importati, deve essere integrato con un maggiore impegno per la “costruzione di un futuro degno dell’uomo, riscoprendo nella carità la forza propulsiva per un autentico sviluppo e per la realizzazione di una società più giusta e fraterna”, come afferma Benedetto XVI citato dal Ministro stesso nel preambolo del suo discorso.
Società più giusta presuppone una critica al presente modello di sviluppo, giudicato anche dal Papa non “autentico” e la costruzione di un sistema sociale capace di garantire per tutti i diritti fondamentali e la giustizia.

Il MoVI, per portare queste riflessioni nel dibattito dell’anno, aderisce alla Campagna dal titolo “I diritti alzano la voce”, che il 27 febbraio sarà presentata anche in Friuli Venezia Giulia con una Carovana sul Welfare.

La redazione

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.