VOLONTARIATO E PARTECIPAZIONE: DALLE PAROLE AI FATTI

Movità 3-2008 del 6 febbraio

La partecipazione è essenziale all’identità stessa del volontariato, che come nessun’altra organizzazione sa essere sintesi armonica e valorizzante delle diversità di persone ed associazioni e sa pertanto porsi come scuola di democrazia e di condivisione.

Che cosa accade però, quando il volontariato esce dal suo piccolo campanile ed è chiamato, come di fatto succede, a fare da collante della coesione sociale contagiando con il suo stile e la sua azione l’ambito complesso della Politica?
Un esempio concreto sono i tavoli per i piani di zona istituiti dalla legge 328/00: tra incertezze e difficoltà si sono cominciati a muovere i primi passi di un coinvolgimento effettivo del volontariato nelle azioni progettuali e di programmazione di iniziative sociali, in alcuni casi persino in quelle di valutazione e controllo.

Le esperienze realizzate in questi anni ci suscitano alcune domande sul tema partecipazione:
– quando il volontariato non si limita ad essere erogatore di servizi, ma si impegna nella progettualità, può davvero portare un contributo prezioso alla costruzione del bene comune?
– Quando è più utile stare alla larga dai soggetti istituzionali e fare da soli e quando invece è bene sforzarsi di gettare ponti verso le istituzioni per un fine condiviso, senza starsene ad attendere, ma piuttosto esercitando tutta la nostra forza creativa e propulsiva?
– Per le istituzioni, è realmente possibile considerare il volontariato come partner a pieno titolo, dando attuazione concreta al principio di sussidiarietà sancito dalla nostra Costituzione (Art. 2 e 118)?
– Come dar corso a queste nuove prassi partecipative che spesso sappiamo restano solo a livello di slogan o di programma  ma fanno fatica a decollare?

I punti di partenza, irrinunciabili per il volontariato, potrebbero essere due: la competenza unita alla consapevolezza del proprio agire e alla capacità di leggere la realtà con sensibilità e profondità; la ferma convinzione che la gratuità rappresenta un connotato specifico dell’azione volontaria ed allo stesso tempo agente di cambiamento con cui improntare nuove relazioni sociali in vista di una comunità più solidale.

La redazione di Info-MoVI

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.