VOLONTARIATO IN PILLOLE: LA GRATUITA’

Movità 20-2007 del 1 giugno

Volontariato in pillole,  un modo per far conoscere e condividere alcune “parole chiave”, alcuni concetti di base, sul mondo del volontariato.

Apriamo con la gratuità che per il volontariato è uno dei valori fondamentali. Gratuità del volontariato vuol dire che il volontario dedica il suo tempo e le sue energie ad un’azione di solidarietà con la precisa scelta di escludere in ogni modo qualsiasi utile personale diretto o indiretto.
Da questo discende una delle caratteristiche richieste ad un organizzazione per potersi iscrivere all’albo delle associazioni di volontariato: che il suo scopo, la sua azione, sia interamente rivolta a vantaggio di “terzi” o della collettività: un’associazione di volontariato non può avere per scopo quello di aiutare i propri aderenti.
Questo è un elemento che caratterizza il volontariato e lo differenzia da altre forme di impegno solidale altrettanto valide e importanti come per esempio una cooperativa sociale che ha lo scopo di creare lavoro, oppure un’associazione di mutuo-aiuto tra famiglie che condividono un certo problema.

La recente conferenza nazionale di Napoli ha ribadito che la gratuità non può e non deve essere messa in discussione: oggi più che mai la nostra società ha bisogno di un impegno serio e disinteressato a favore del bene comune di cui il volontariato è scuola e testimonianza.
E’ stato altresì sottolineato che è opportuno chiarire e evitare le molte situazioni, purtroppo abbastanza diffuse, di confusione tra gratuità e lavoro. Bisogna evitare cioè quelle aree grigie che sono a metà tra “un lavoro mal pagato e un volontariato prezzolato”, figlie purtroppo della precarietà del mondo del lavoro e giustificate a volte solo dalla ricerca di scappatoie per risparmiare tasse o accedere a contributi o vantaggi fiscali.

Quando i nostri nonni andavano “al mercato”, entravano in un luogo, una piazza con confini e regole precise che valevano solo in quello spazio: il resto della loro vita seguiva logiche diverse, di scambio, dono, dovere sociale o familiare, relazioni che per secoli hanno garantito alle nostre comunità di crescere e progredire. Oggi che “il mercato” è uscito dai suoi confini e tutto sembra permeato e governato dalle sue logiche, il volontariato ci ricorda che non tutto può essere comprato, e che il dono, come l’amore sono altrettanto necessari per vivere e dare senso al nostro passaggio su questo pianeta.

Per vivere bene, dobbiamo lasciare e garantire uno spazio alla gratuità.

La redazione di Info-MoVI

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.